.
Annunci online

  aleiorio Pensiero e Azione
 
Diario
 


 

 

Questo blog non è a scopo
di  lucro,  non  rappresenta
una  testata giornalistica in
quanto  viene  aggiornato
senza  alcuna  periodicità.
Non è pertanto un prodotto
editoriale  ai   sensi  della 
legge n. 62 del 7.03.2001.
Immagini  e foto  vengono 
perlopiù prese da internet,
qualora   dovessi   violare
diritti vari, comunicatelo e 

provvederò alla rimozione
del materiale. 

  
 

 http://www.wikio.it
  
il Taggatore
 
MigliorBlog.it

BlogItalia.it - La
directory italiana dei blog

Aggregatore notizie RSS

Il Bloggatore

 

Blog Directory

Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360°
provenienti dal mondo dei blog!

Independent Political Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Palestine Blogs - The Gazette

 Visita Top Amici di Web-Link!

 Visita Top Amici di Web-Link!

 Bookmark and Share

 Palestine Blogs - The Gazette
   Sabbah Report - Because Silence Is Complicity!

  La Top dei Super Siti

Locations of visitors to this page

 


4 agosto 2010

Afghanistan: il massacro continua


foto ricordo con bambini e bandierine.... 


   Si, la Costituzione va rivista, così evitiamo di farci prendere per il sedere, Berlusconi ha ragione.

“L’Italia ripudia la guerra”, si legge da una parte, ma ammazzare senza ritegno quando il padrone uesei chiama si può fare, è un dato di fatto, e il fatto non si discute. Il Parlamento made in Italy, ha sentenziato più volte che la guerra in Afghanistan è una giusta guerra e fino a poco tempo fa i nostri eroi stavano lì per scambiare il segno di pace, proprio come facevano i bravi e religiosissimi conquistadores qualche anno addietro. Le truppe tricolori in Afghanistan sono state impegnate in 40 scontri a fuoco e attentati negli ultimi due mesi, da quando gli alpini della Taurinense hanno assunto il comando e diversi afgani sono morti ammazzati grazie alla “missione di pace”.

  

   Art. 11. l'italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.

  

   Eppure questi nostri meschini eroi continuano a fare il loro dovere di assassini in Terra Straniera: loro ammazzano, noi paghiamo e tanta gente innocente crepa.



16 marzo 2008

Basi americane - quanto ci costano?


Eroi  USA  a carico del cittadino

Lo Stato italiano paga ogni anno il 37% dei costi delle basi USA (Aviano, La Maddalena, Sigonella e altre) e delle truppe americane di stanza nel nostro paese: risulta dai documenti ufficiali di bilancio delle forze armate USA, del Dipartimento della difesa e del Congresso (il Parlamento) degli Stati Uniti.
Nel 1999, il tributo versato da Roma a Washington è stato pari a 530 milioni di dollari (circa 480 milioni di euro), mentre nel 2002 i contribuenti italiani hanno partecipato alle spese militari americane per un ammontare di 326 milioni di dollari. Tre milioni sono stati dati in denaro liquido, il resto sotto forma di sgravi fiscali, sconti e forniture gratuite che riguardano trasporti, tariffe e servizi ai soldati e alle famiglie.
La maggior parte dei pagamenti, si legge nelle carte ufficiali del Governo di Washington, nascono da «accordi bilaterali» («bilateral agreements» nei testi originali) tra Italia e Stati Uniti, il resto viene dalla divisione delle spese in ambito Nato.
Il metodo di prelievo si chiama «burden-sharing» («condivisione del peso») ed è illustrato nel "Nato Burdensharing After Enlargment" pubblicato nell'agosto 2001 dal Congressional Budget Office (Ufficio per il Bilancio) del Congresso USA. Vi si legge (capitolo III, pagina 27) che i comandi militari USA stimano che grazie a questi accordi soltanto per le opere e i servizi nella base di Aviano, «i contribuenti - (taxpayers) - americani hanno risparmiato circa 190 milioni di dollari».
Quanto all'impegno complessivo del nostro fisco verso gli USA, il documento chiave è il Report on Allied Contributions to the Common Defense (rapporto sui contributi degli alleati alla difesa comune), consegnato nel marzo 2001 dal Segretario alla Difesa al Congresso degli Stati Uniti. Alla pagina 6 della sezione I si legge quanto segue: «Italia e Germania pagano, rispettivamente, il 37 (l'Italia) e il 27% dei costi di stazionamento di queste forze (le forze armate USA, ndr)».
Nel rapporto "Defense Infrastructure", consegnato nel luglio 2004 al Congresso da parte dell'Ufficio governativo per la trasparenza, a pagina 18 si legge che «nel bilancio 2001, Germania e Italia hanno dato i maggiori contributi, valutati rispettivamente in 862 e in 324 milioni di dollari». Si tratta, spiega il rapporto, di contributi diretti e indiretti «aggiuntivi rispetto a quelli della Nato». fonte:
redazione ECplanet

Le 115 basi USA-NATO presenti in Italia (elenco aggiornato a marzo 2008):

1. Cima Gallina (BZ): stazione telecomunicazioni e radar US Air Force (USAF).
2. Aviano (PN): base USAF, ospita la 16° Forza Aerea ed il 31° Gruppo da Caccia nonché uno squadrone di F-18 dei Marines.
3. Roveredo in Piano (PN): deposito armi e munizioni USAF.
4. Monte Paganella (TN): stazione telecomunicazioni USAF.
5. Rivolto (UD): base dell’Aeronautica Militare Italiana (d’ora in poi, AMI), base USAF saltuaria.
6. Maniago (UD): poligono di tiro USAF.
7. S. Bernardo (UD): deposito munizioni US Army.
8. Istrana (TV): base dell’AMI "Vittorio Bragadin", base USAF saltuaria.
9. Ciano (TV): stazione telecomunicazioni e radar USA.
10. Solbiate Olona (MI): base US Army.
11. Sorico (CO): sede di sistemi di sorveglianza elettronici della National Security Agency (NSA) e del Government Communications Head Quarters.
12. Ghedi (BS): base dell’AMI "Luigi Olivari", base USAF ospitante anche il Munitions Support Squadron per la conservazione degli armamenti atomici.
13. Montichiari (BS): base USAF, ospita le testate nucleari per missili antiaerei Nike-Hercules dislocati in varie località del Nord-est.
14. Remondò (PV): stazione radar dell’AMI e USA, sotto copertura NATO.
15. Vicenza: base US Army presso la Caserma Ederle, ospita il comando della Southern Europe Task Force (SETAF).
16. Torri di Quartesolo (VI): centro autoveicoli US Army.
17. Lerino (VI): centro logistico gestione strutture US Army.
18. Tormeno - Fontega di Arcugnano (VI): base in parte sotterranea, con deposito di armi e munizioni.
19. Longare (VI): deposito sotterraneo di armamenti, noto come Site Pluto, dove almeno fino al 1992 erano custodite 200 testate nucleari e 1.000 kg di plutonio, facendone il più importante deposito d’armi atomiche in Italia ed uno dei più importanti d’Europa.
20. Verona: stazione telecomunicazioni USAF.
21. Affi (VR): stazione telecomunicazioni USA, in parte sotterranea.
22. Lunghezzano (VR): centro radar sotto controllo dell’US Space Command e della NSA.
23. Erbazzo (VR): stazione radar HF JCOC (Joint Combat Operation Center) della NATO, sotto controllo USA.
24. Conselve (PD): base radar USA.
25. Monte Venda (PD): stazione telecomunicazioni e radar USA.
26. Trieste: base navale saltuaria.
27. Venezia: base navale saltuaria.
28. Sant’Anna di Alfaedo (VE): stazione radar HF JCOC, ospita "antenne circolari" tipo Wullenberg del sistema di spionaggio elettronico Echelon.
29. Lame di Concordia Sagittaria (VE): stazione telecomunicazioni e radar, integrata nel sistema NADGE alle dirette dipendenze dell’US Space Command e della SETAF.
30. San Gottardo, Boscomantivo (VE): stazione telecomunicazioni USA.
31. Ceggia (VE): stazione radar USA.
32. Cameri (NO): base dell’AMI "Natale e Silvio Palli", ospita un centro di manutenzione di velivoli Tornado della NATO (sotto controllo USA).
33. Candela-Masazza (VC): sede dell’Education & Training Command dell’USAF e di un distaccamento dell’US Army.
34. S. Damiano (PC): base dell’AMI, ospita anche mezzi e uomini NATO (sotto controllo USA).
35. Monte Cimone (MO): stazione telecomunicazioni USA con copertura NATO.
36. Parma: deposito USAF con copertura NATO.
37. Pieveottoville (PR): sito missilistico contraereo Hawk della NATO (sotto controllo USA).
38. Bologna: stazione telecomunicazioni del Dipartimento di Stato USA.
39. Pisignano (RA): base aerea con velivoli NATO (sotto controllo USA), ospita il 48° ed il 52° Air Expeditionary Wing.
40. Rimini: una delle sedi del Munitions Support Squadron, gruppo logistico per l’attivazione di ordigni nucleari.
41. Rimini-Miramare: centro telecomunicazioni USA.
42. Potenza Picena (MC): stazione radar USA con copertura NATO.
43. Livorno: base navale saltuaria.
44. Finale Ligure (SV): stazione telecomunicazioni US Army.
45. San Bartolomeo (SP): sede del Centro ricerche per la guerra sottomarina (Saclant), del Maricocesco (Centro per la fornitura di pezzi di ricambio per navi e sommergibili) e del Mariperman (Centro per gli esperimenti sui materiali da guerra). L’adiacente porto di La Spezia è crocevia di un intenso e regolare traffico dei sommergibili nucleari USA, sotto il riserbo più assoluto delle autorità politiche e militari italiane.
46. Camp Darby (PI): base US Army, è la più rilevante infrastruttura logistica dell’area mediterranea con depositi di armamenti e di munizioni.
47. Coltano (PI): base del NSA (Centro di raccolta e gestione delle informazioni) e deposito munizioni US Army.
48. Pisa: base dell’AMI "Arturo dell’Oro", base saltuaria dell’USAF.
49. Monte Giogo (MS): stazione telecomunicazioni USA con copertura NATO.
50. Poggio Ballone (GR): stazione radar USA con copertura NATO.
51. Talamone (GR): base saltuaria dell’US Navy.
52. Monte Limbara (SS): stazione telecomunicazioni USAF e base missilistica.
53. Sinis di Cabras (SS): stazione telecomunicazioni USAF e centro elaborazione dati NSA.
54. Isola di Tavolara (SS): stazione telecomunicazioni US Navy.
55. Torre Grande (OR): stazione radar NSA.
56. Monte Arci (OR): stazione telecomunicazioni USAF con copertura NATO.
57. Capo Frasca (OR): eliporto, impianto radar e depositi logistici controllati dall’USAF.
58. Sinis-Malu Bentu (OR): all’interno di un Parco Naturale, stazione della NSA.
59. Santu Lussurgiu (OR): stazione telecomunicazioni USAF con copertura NATO.
60. Perdas de Fogu (NU): poligono di tiro USAF.
61. Capo Teulada (CA): poligono di tiro per esercitazioni dell’USAF e dell’US Navy, ospita anche un comando NATO.
62. Decimomannu (CA): base dell’AMI "Giovanni Farina", base USAF saltuaria.
63. Elmas (CA): aeroporto civile aperto al traffico militare, base USAF saltuaria.
64. Salto di Quirra (CA): poligono di tiro dell’USAF, si estende su una superficie di 12.000 ettari ed è formalmente gestito dal Ministero della Difesa italiano.
65. Capo San Lorenzo (CA): poligono di tiro per l’addestramento dell’US Navy.
66. Monte Urpino (CA): deposito munizioni USA.
67. Cagliari: base navale saltuaria.
68. Roma-Ciampino: base dell’AMI "G. B. Pastine", base saltuaria dell’USAF.
69. Rocca di Papa (RM): stazione telecomunicazioni USA con copertura NATO.
70. Monte Romano (VT): poligono di tiro dell’Esercito Italiano, ospita anche l’addestramento dello Special Operation Command dell’US Army.
71. Gaeta (LT): base della Sesta Flotta dell’US Navy.
72. Casale delle Palme (LT): scuola telecomunicazioni della NATO.
73. Napoli: sede del comando della Forza di Intervento Rapido della NATO.
74. Napoli-Capodichino: base dell’AMI "Ugo Niutta" aperta anche al traffico civile, ospita circa 4.000 militari USA e viene utilizzata regolarmente sia da velivoli USAF che US Navy.
75. Monte Camaldoli (NA): stazione telecomunicazioni USA.
76. Ischia (NA): stazione telecomunicazioni USA con copertura NATO.
77. Agnano (NA): sede dell’ADP Center della NSA e di un distaccamento amministrativo della US Navy.
78. Cirigliano (NA): sede del Commander-in-Chief Allied Forces Southern Europe.
79. Licola (NA): stazione telecomunicazioni e radar, integrata nel sistema NADGE.
80. Lago di Patria (CE): stazione telecomunicazioni USA.
81. Giugliano (CE): stazione di comunicazione SATCOM.
82. Grazzanise (CE): base dell’AMI "Carlo Romagnoli", base saltuaria dell’USAF.
83. Mondragone (CE): centro di comando sotterraneo USA.
84. Montevergine (AV): stazione telecomunicazioni USA.
85. Pietraficcata (MT): stazione telecomunicazioni USA.
86. Gioia del Colle (BA): base dell’AMI "Antonio Ramirez" classificata come Collocated Operating Base, può cioè ospitare aerei sia NATO che USAF dotati di armamenti atomici.
87. Punta della Contessa (BR): poligono di tiro delle Forze Armate USA.
88. San Vito dei Normanni (BR): base del 499° Expeditionary Squadron e dell’Electronics Security Group facente capo alla NSA.
89. Monte Iacotenente (FG): stazione radar USA.
90. Monte Sant’Angelo (FG): stazione radar USA con copertura NATO.
91. Brindisi: base navale sede dell’United Nation Logistics.
92. Otranto (LE): stazione radar USA con copertura NATO.
93. Taranto: base dell’US Navy, ospita l’HQ High Readiness Force, il sistema di spionaggio telematico C4i alle dipendenze del Navy Center for Tactical System Interoperability, la sede del Maridipart con funzioni logistiche NATO, la stazione navale Maristasom sita in "Mar Piccolo" ed un’altra, molto più ampia, sita in "Mar Grande" presso cui hanno diritto di attracco navi e sommergibili USA-NATO.
94. Grottaglie (TA): stazione aeromobili della Marina Militare Italiana "M. Arlotta", ospita il comando NATO Comitmarfor alle dirette dipendenze del Comstrikforsouth USA.
95. Martina Franca (TA): sede del 3° Regional Operations Center della NATO (sotto controllo USA) e dello Static War Headquarters dipendente dal 5° Allied Tactical Air Force della NATO. E’ candidata ad accogliere la futura base dell’US Navy che dovrebbe sorgere nell’area del "Molo polisettoriale" al posto di quella di Gaeta.
96. Crotone: stazione telecomunicazioni e radar, controllata dal 6917° Electronic Security Group e dal 2113° Electronic Security Squadron alle dipendenze del comando USA di Rammstein, in Germania.
97. Monte Mancuso (CZ): stazione telecomunicazioni USA.
98. Sellia Marina (CZ): stazione telecomunicazioni USA con copertura NATO.
99. Catania: comando NATO e base della polizia militare USA.
100. Sigonella (CT): la più importante base dell’US Navy nel Mar Mediterraneo, ospita anche unità dell’USAF.
101. Motta S. Anastasia (CT): stazione telecomunicazioni USA.
102. Caltagirone (CT): stazione telecomunicazioni USA con copertura NATO.
103. Vizzini (CT): depositi munizioni dell’USAF.
104. Isola delle Femmine (PA): deposito munizioni USA con copertura NATO.
105. Punta Raisi (PA): base saltuaria dell’USAF.
106. Marina di Marza (RG): stazione telecomunicazioni USA.
107. Comiso (RG): dopo la chiusura della base, ospita ancora alcuni depositi dell’USAF.
108. Monte Lauro (SR): stazione telecomunicazioni USA.
109. Birgi (TP): base dell’AMI "Sen. Vittorio Florio", base saltuaria dell’USAF e della NATO.
110. Marsala (TP): stazione telecomunicazioni USA con copertura NATO.
111. Pantelleria (TP): stazione telecomunicazioni US Navy e base dell’USAF.
112. Augusta (SR): sede dell’US Navy Element, AFSOUTH.
113. Centuripe (EN): stazione telecomunicazioni USA.
114. Niscemi (CL): stazione telecomunicazioni dell’US Navy.
115. Lampedusa (AG): stazione della Guardia Costiera USA e centro di comunicazioni NSA.
fonte:
http://byebyeunclesam.wordpress.com/...-baci/#more-64

Fra i nostri politici c’è qualcuno che propone la chiusura delle 115 basi militari USA dislocate in territorio italiano? C’è qualcuno che propone di ritirare i 10.000 soldati italiani mandati fuori dai confini nazionali a combattere le guerre americane? I nostri girotondini pacifisti dove sono andati a finire? La destra italiana dov'è? Uno schifo, senza cultura, identità, un minimo di amore per la terra che ci appartiene, solo pecore avvelenate di diossina, ecco cosa sono ora gli italiani.


sfoglia     luglio        settembre
 

 rubriche

Diario
politica est.
politica int.
archeologia
cultura e società
pirati
amenità..foto..
arte
storia, misteri, religione
Difesa Personale, Arti Marziali, Discipline da combattimento...

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ABSPP.ORG
ADNKRONOS
AGORAVOX
ALAIN DE BENOIST
ALJAZEERA magazine
ALTRAINFORMAZIONE
ANARCHISTS.THE.WALL
ANSA
ARAB MONITOR
ARCOIRIS
ARIANNA EDITRICE
AS.ZAATAR
AURORA INF.
AZIONE TRADIZIONALE
BABELMED
BELLACIAO
BEPPEGRILLOBLOG
BODYONTHELINE
CAFEBABEL
CANI SCIOLTI
COC
COMUNITAPOPOLI
CORRIERE
CRITICAMENTE.INF.
DAILALAMA
DECRESCITA FELICE
DI PIETRO A.
DONCHISCIOTTE
DISINFORMAZIONE
E=MCALQUADRATO
EFFEDIEFFE
EMERGENCY
ESPERIA
FORUMPALESTINA
FIORE
FREEGAZA
FULVIOGRIMALDI
GENNARO CAROTENUTO
GIANLUCA FREDA
GIORNALEDEL RIBELLE
GLISCOMUNICATI
GRANDMERE
ILGIORNALE
IL MANIFESTO
ILMATTINO
ILRIFORMISTA
ILSOLE24ORE
INFORMAZIONE.IT
INTERNAZIONALE.IT
IMMEDIA
INFOPALEST.
ILMESSAGGERO
LAPADANIA
LAREPUBBLICA
LIBERAZIONE
IL MANIFESTO
LASTAMPA
LUOGOCOMUNE
L'UOMO LIBERO
MASSIMO FINI
MOVIMENTOZERO
MARCOTRAVAGLIO
MICROMEGA
NADIA
NEOZOTICO
NEWYORKTIMES
NEXUS
NOREPORTER
OPPOSTA DIREZIONE
PICCOLEONDE
PRESSANTE
RACCONTI
RAINEWS24
RITA PANI
SCALPO
SIMONEblogspot
SAIGON
STAMPAELIBERTA'
TERRA SANTA
TERRE LIBERE
VALIGETTA
VITTORIO ARRIGONI
WARNEWS
WIKILEAKS

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom